L'innovazione fu poi adottata anche nei Paesi neolatini come l'Italiaanche se non divenne comune prima del XII secolo. Si ritiene che l'inserimento di spazi tra le parole abbia favorito il passaggio dalla lettura semi-vocalizzata a quella silenziosa. Prima dell'invenzione e della diffusione del torchio tipograficoquasi tutti i libri venivano copiati a mano, il che li rendeva costosi e relativamente rari. I piccoli monasteri di solito possedevano al massimo qualche decina di libri, forse qualche centinaio quelli di medie dimensioni.

Il processo della produzione di un libro era lungo e laborioso. Infine, il libro veniva rilegato dal rilegatore. Esistono testi scritti in rosso o addirittura in oro, e diversi colori venivano utilizzati per le miniature.

A volte la pergamena era tutta di colore viola e il testo vi era scritto in oro o argento per esempio, il Codex Argenteus. Per tutto l'Alto Medioevo i libri furono copiati prevalentemente nei monasteri, uno alla volta. Il sistema venne gestito da corporazioni laiche di cartolaiche produssero sia materiale religioso che profano. Questi libri furono chiamati libri catenati.

Vedi illustrazione a margine. L' ebraismo ha mantenuto in vita l'arte dello scriba fino ad oggi. Anche gli arabi produssero e rilegarono libri durante il periodo medievale islamicosviluppando tecniche avanzate di calligrafia arabaminiatura e legatoria.

Col metodo di controllo, solo "gli autori potevano autorizzare le copie, e questo veniva fatto in riunioni pubbliche, in cui il copista leggeva il testo ad alta voce in presenza dell'autore, il quale poi la certificava come precisa". In xilografiaun'immagine a bassorilievo di una pagina intera veniva intagliata su tavolette di legno, inchiostrata e usata per stampare le copie di quella pagina. Questo metodo ebbe origine in Cinadurante la Dinastia Han prima del a.

I monaci o altri che le scrivevano, venivano pagati profumatamente. I primi libri stampati, i singoli fogli e le immagini che furono creati prima del in Europa, sono noti come incunaboli. Folio 14 recto del Vergilius romanus che contiene un ritratto dell'autore Virgilio. Da notare la libreria capsail leggio ed il testo scritto senza spazi in capitale rustica. Leggio con libri catenatiBiblioteca Malatestiana di Cesena. Incunabolo del XV secolo. Si noti la copertina lavorata, le borchie d'angolo e i morsetti.

Insegnamenti scelti di saggi buddistiil primo libro stampato con caratteri metallici mobili, Le macchine da stampa a vapore diventarono popolari nel XIX secolo. Queste macchine potevano stampare 1. Le macchine tipografiche monotipo e linotipo furono introdotte verso la fine del XIX secolo. Hartla prima biblioteca di versioni elettroniche liberamente riproducibili di libri stampati.

I libri a stampa sono prodotti stampando ciascuna imposizione tipografica su un foglio di carta. Le varie segnature vengono rilegate per ottenere il volume. L'apertura delle pagine, specialmente nelle edizioni in brossuraera di solito lasciata al lettore fino agli anni sessanta del XX secolomentre ora le segnature vengono rifilate direttamente dalla tipografia. Nei libri antichi il formato dipende dal numero di piegature che il foglio subisce e, quindi, dal numero di carte e pagine stampate sul foglio.

Le "carte di guardia", o risguardi, o sguardie, sono le carte di apertura e chiusura del libro vero e proprio, che collegano materialmente il corpo del libro alla coperta o legatura.

Non facendo parte delle segnaturenon sono mai contati come pagine. Si chiama "controguardia" la carta che viene incollata su ciascun "contropiatto" la parte interna del "piatto" della coperta, permettendone il definitivo ancoraggio. Le sguardie sono solitamente di carta diversa da quella dell'interno del volume e possono essere bianche, colorate o decorate con motivi di fantasia nei libri antichi erano marmorizzate.

Il colophon o colofone, che chiude il volume, riporta le informazioni essenziali sullo stampatore e sul luogo e la data di stampa. In origine nei manoscritti era costituito dalla firma o subscriptio del copista o dello scriba, e riportava data, luogo e autore del testo; in seguito fu la formula conclusiva dei libri stampati nel XV e XVI secolo, che conteneva, talvolta in inchiostro rosso, il nome dello stampatore, luogo e data di stampa e l' insegna dell'editore.

Sopravvive ancor oggi, soprattutto con la dicitura Finito di stampare. Nel libro antico poteva essere rivestita di svariati materiali: pergamena, cuoio, tela, carta e costituita in legno o cartone. Poteva essere decorata con impressioni a secco o dorature. Ciascuno dei due cartoni che costituiscono la copertina viene chiamato piatto. Nel XIX secolo la coperta acquista una prevalente funzione promozionale.

Ha caratterizzato a lungo l'editoria per l'infanzia e oggi, ricoperto da una "sovraccoperta", costituisce il tratto caratteristico delle edizioni maggiori. Le "alette" o "bandelle" comunemente dette "risvolti di copertina" sono le piegature interne della copertina o della sovraccoperta vedi infra. Generalmente vengono utilizzate per una succinta introduzione al testo e per notizie biografiche essenziali sull'autore. In breve, anche in Egittola fonte mondiale del papiroil codice di pergamena occupava una notevole quota di mercato.

Sono Album) di pergamena, edizioni eleganti, scritti in elaborata calligrafia su sottili fogli di pergamena. Per tali edizioni di lusso il papiro era certamente inadatto. In almeno un'area, la giurisprudenza romanail codex di pergamena veniva prodotto sia in edizioni economiche che in quelle di lusso. La caduta dell'Impero romano nel V secolo d. Il papiro divenne difficile da reperire a causa della mancanza di contatti con l' Antico Egitto e la pergamenache per secoli era stata tenuta in secondo piano, divenne il materiale di scrittura principale.

I monasteri continuarono la tradizione scritturale latina dell' Impero romano d'Occidente. La tradizione e lo stile dell' Impero romano predominavano ancora, ma gradualmente emerse la cultura del libro medievale.

I monaci irlandesi introdussero la spaziatura tra le parole nel VII secolo. L'innovazione fu poi adottata anche nei Paesi neolatini come l'Italiaanche se non divenne comune prima del XII secolo. Si ritiene che l'inserimento di spazi tra le parole abbia favorito il passaggio dalla lettura semi-vocalizzata a quella silenziosa. Prima dell'invenzione e della diffusione del torchio tipograficoquasi tutti i libri venivano copiati a mano, il che li rendeva costosi e relativamente rari.

I piccoli monasteri di solito possedevano al massimo qualche decina di libri, forse qualche centinaio quelli di medie dimensioni. Il processo della produzione di un libro era lungo e laborioso. Infine, il libro veniva rilegato dal rilegatore. Esistono testi scritti in rosso o addirittura in oro, e diversi colori venivano utilizzati per le miniature. A volte la pergamena era tutta di colore viola e il testo vi era scritto in oro o argento per esempio, il Codex Argenteus.

Per tutto l'Alto Medioevo i libri furono copiati prevalentemente nei monasteri, uno alla volta. Il sistema venne gestito da corporazioni laiche di cartolaiche produssero sia materiale religioso che profano.

Questi libri furono chiamati libri catenati. Vedi illustrazione a margine. L' ebraismo ha mantenuto in vita l'arte dello scriba fino ad oggi. Anche gli arabi produssero e rilegarono libri durante il periodo medievale islamicosviluppando tecniche avanzate di calligrafia arabaminiatura e legatoria.

Col metodo di controllo, solo "gli autori potevano autorizzare le copie, e questo veniva fatto in riunioni pubbliche, in cui il copista leggeva il testo ad alta voce in presenza dell'autore, il quale poi la certificava come precisa".

In xilografiaun'immagine a bassorilievo di una pagina intera veniva intagliata su tavolette di legno, inchiostrata e usata per stampare le copie di quella pagina.

Questo metodo ebbe origine in Cinadurante la Dinastia Han prima del a. I monaci o altri che le scrivevano, venivano pagati profumatamente. I primi libri stampati, i singoli fogli e le immagini che furono creati prima del in Europa, sono noti come incunaboli. Folio 14 recto del Vergilius romanus che contiene un ritratto dell'autore Virgilio.

Da notare la libreria capsail leggio ed il testo scritto senza spazi in capitale rustica. Leggio con libri catenatiBiblioteca Malatestiana di Cesena. Incunabolo del XV secolo. Si noti la copertina lavorata, le borchie d'angolo e i morsetti. Insegnamenti scelti di saggi buddistiil primo libro stampato con caratteri metallici mobili, Le macchine da stampa a vapore diventarono popolari nel XIX secolo. Queste macchine potevano stampare 1.

Le macchine tipografiche monotipo e linotipo furono introdotte verso la fine del XIX secolo. Hartla prima biblioteca di versioni elettroniche liberamente riproducibili di libri stampati. I libri a stampa sono prodotti stampando ciascuna imposizione tipografica su un foglio di carta.

Le varie segnature vengono rilegate per ottenere il volume. L'apertura delle pagine, specialmente nelle edizioni in brossuraera di solito lasciata al lettore fino agli anni sessanta del XX secolomentre ora le segnature vengono rifilate direttamente dalla tipografia. Nei libri antichi il formato dipende dal numero di piegature che il foglio subisce e, quindi, dal numero di carte e pagine stampate sul foglio.

Le "carte di guardia", o risguardi, o sguardie, sono le carte di apertura e chiusura del libro vero e proprio, che collegano materialmente il corpo del libro alla coperta o legatura. Non facendo parte delle segnaturenon sono mai contati come pagine.

Si chiama "controguardia" la carta che viene incollata su ciascun "contropiatto" la parte interna del "piatto" della coperta, permettendone il definitivo ancoraggio. Le sguardie sono solitamente di carta diversa da quella dell'interno del volume e possono essere bianche, colorate o decorate con motivi di fantasia nei libri antichi erano marmorizzate.

Il colophon o colofone, che chiude il volume, riporta le informazioni essenziali sullo stampatore e sul luogo e la data di stampa. Vedi illustrazione a margine. L' ebraismo ha mantenuto in vita l'arte dello scriba fino ad oggi. Anche gli arabi produssero e rilegarono libri durante il periodo medievale islamicosviluppando tecniche avanzate di calligrafia arabaminiatura e legatoria. Col metodo di controllo, solo "gli autori potevano autorizzare le copie, e questo veniva fatto in riunioni pubbliche, in cui il copista leggeva il testo ad alta voce in presenza dell'autore, il quale poi la certificava come precisa".

In xilografiaun'immagine a bassorilievo di una pagina intera veniva intagliata su tavolette di legno, inchiostrata e usata per stampare le copie di quella pagina. Questo metodo ebbe origine in Cinadurante la Dinastia Han prima del a. I monaci o altri che le scrivevano, venivano pagati profumatamente. I primi libri stampati, i singoli fogli e le immagini che furono creati prima del in Europa, sono noti come incunaboli.

Folio 14 recto del Vergilius romanus che contiene un ritratto dell'autore Virgilio. Da notare la libreria capsail leggio ed il testo scritto senza spazi in capitale rustica.

Leggio con libri catenatiBiblioteca Malatestiana di Cesena. Incunabolo del XV secolo. Si noti la copertina lavorata, le borchie d'angolo e i morsetti. Insegnamenti scelti di saggi buddistiil primo libro stampato con caratteri metallici mobili, Le macchine da stampa a vapore diventarono popolari nel XIX secolo. Queste macchine potevano stampare 1. Le macchine tipografiche monotipo e linotipo furono introdotte verso la fine del XIX secolo.

Hartla prima biblioteca di versioni elettroniche liberamente riproducibili di libri stampati. I libri a stampa sono prodotti stampando ciascuna imposizione tipografica su un foglio di carta. Le varie segnature vengono rilegate per ottenere il volume. L'apertura delle pagine, specialmente nelle edizioni in brossuraera di solito lasciata al lettore fino agli anni sessanta del XX secolomentre ora le segnature vengono rifilate direttamente dalla tipografia.

Nei libri antichi il formato dipende dal numero di piegature che il foglio subisce e, quindi, dal numero di carte e pagine stampate sul foglio. Le "carte di guardia", o risguardi, o sguardie, sono le carte di apertura e chiusura del libro vero e proprio, che collegano materialmente il corpo del libro alla coperta o legatura.

Non facendo parte delle segnaturenon sono mai contati come pagine. Si chiama "controguardia" la carta che viene incollata su ciascun "contropiatto" la parte interna del "piatto" della coperta, permettendone il definitivo ancoraggio. Le sguardie sono solitamente di carta diversa da quella dell'interno del volume e possono essere bianche, colorate o decorate con motivi di fantasia nei libri antichi erano marmorizzate. Il colophon o colofone, che chiude il volume, riporta le informazioni essenziali sullo stampatore e sul luogo e la data di stampa.

In origine nei manoscritti era costituito dalla firma o subscriptio del copista o dello scriba, e riportava data, luogo e autore del testo; in seguito fu la formula conclusiva dei libri stampati nel XV e XVI secolo, che conteneva, talvolta in inchiostro rosso, il nome dello stampatore, luogo e data di stampa e l' insegna dell'editore.

Sopravvive ancor oggi, soprattutto con la dicitura Finito di stampare. Nel libro antico poteva essere rivestita di svariati materiali: pergamena, cuoio, tela, carta e costituita in legno o cartone. Poteva essere decorata con impressioni a secco o dorature. Ciascuno dei due cartoni che costituiscono la copertina viene chiamato piatto. Nel XIX secolo la coperta acquista una prevalente funzione promozionale. Ha caratterizzato a lungo l'editoria per l'infanzia e oggi, ricoperto da una "sovraccoperta", costituisce il tratto caratteristico delle edizioni maggiori.

Le "alette" o "bandelle" comunemente dette "risvolti di copertina" sono le piegature interne della copertina o della sovraccoperta vedi infra. Generalmente vengono utilizzate per una succinta introduzione al testo e per notizie biografiche essenziali sull'autore.

Di norma, riporta le indicazioni di titolo e autore. I libri con copertina cartonata in genere sono rivestiti da una "sovraccoperta". Oltre al taglio "superiore" o di "testa" vi sono il taglio esterno, detto "davanti" o "concavo"e il taglio inferiore, detto "piede".

I tagli possono essere al naturale, decorati o colorati in vario modo. In questi ultimi casi, si parla di "taglio colore", nel passato usati per distinguere i libri religiosi o di valore dalla restante produzione editoriale, utilizzando una spugna imbevuta di inchiostri all' anilina anni del XX secolo. Riporta solitamente titolo, autore, e editore del libro. Sovente riporta un motto. Assente nel libro antico. I primi incunaboli e manoscritti non avevano il frontespizio, ma si aprivano con una carta bianca con funzione protettiva.

Nel XVII secolo cede la parte decorativa all' antiporta e vi compaiono le indicazioni di carattere pubblicitario riferite all'editore, un tempo riservate al colophon. In epoca moderna, le illustrazioni e parte delle informazioni si sono trasferite sulla copertina o sulla sovraccoperta e altre informazioni nel verso del frontespizio. I piccoli monasteri di solito possedevano al massimo qualche decina di libri, forse qualche centinaio quelli di medie dimensioni. Il processo della produzione di un libro era lungo e laborioso.

Infine, il libro veniva rilegato dal rilegatore. Esistono testi scritti in rosso o addirittura in oro, e diversi colori venivano utilizzati per le miniature. A volte la pergamena era tutta di colore viola e il testo vi era scritto in oro o argento per esempio, il Codex Argenteus. Per tutto l'Alto Medioevo i libri furono copiati prevalentemente nei monasteri, uno alla volta. Il sistema venne gestito da corporazioni laiche di cartolaiche produssero sia materiale religioso che profano.

Questi libri furono chiamati libri catenati. Vedi illustrazione a margine. L' ebraismo ha mantenuto in vita l'arte dello scriba fino ad oggi. Anche gli arabi produssero e rilegarono libri durante il periodo medievale islamicosviluppando tecniche avanzate di calligrafia arabaminiatura e legatoria.

Col metodo di controllo, solo "gli autori potevano autorizzare le copie, e questo veniva fatto in riunioni pubbliche, in cui il copista leggeva il testo ad alta voce in presenza dell'autore, il quale poi la certificava come precisa". In xilografiaun'immagine a bassorilievo di una pagina Album) veniva intagliata su tavolette di legno, inchiostrata e usata per stampare le copie di quella pagina. Questo metodo ebbe origine in Cinadurante la Dinastia Han prima del a.

I monaci o altri che le scrivevano, venivano pagati profumatamente. I primi libri stampati, i singoli fogli e le immagini che furono creati prima del in Europa, sono noti come incunaboli. Folio 14 recto del Vergilius romanus che contiene un ritratto dell'autore Virgilio. Da notare la libreria capsail leggio ed il testo scritto senza spazi in capitale rustica.

Leggio con libri catenatiBiblioteca Malatestiana di Cesena. Incunabolo del XV secolo. Si noti la copertina lavorata, le borchie d'angolo e i morsetti.

Insegnamenti scelti di saggi buddistiil primo libro stampato con caratteri metallici mobili, Le macchine da stampa a vapore diventarono popolari nel XIX secolo. Queste macchine potevano stampare 1. Le macchine tipografiche monotipo e linotipo furono introdotte verso la fine del XIX secolo.

Hartla prima biblioteca di versioni elettroniche liberamente riproducibili di libri stampati. I libri a stampa sono prodotti stampando ciascuna imposizione tipografica su un foglio di carta. Le varie segnature vengono rilegate per ottenere il volume. L'apertura delle pagine, specialmente nelle edizioni in brossuraera di solito lasciata al lettore fino agli anni sessanta del Album) secolomentre ora le segnature vengono rifilate direttamente dalla tipografia.

Nei libri antichi il formato dipende dal numero di piegature che il foglio subisce e, quindi, dal numero di carte e pagine stampate sul foglio. Le "carte di guardia", o risguardi, o sguardie, sono le carte di apertura e chiusura del libro vero e proprio, che collegano materialmente il corpo del libro alla coperta o legatura.

Non facendo parte delle segnaturenon sono mai contati come pagine. Si chiama "controguardia" la carta che viene incollata su ciascun "contropiatto" la parte interna del "piatto" della coperta, permettendone il definitivo ancoraggio.

Le sguardie Zero Tolerance - Tha KroniK - All Italian Hardcore (Tha Album) (File solitamente di carta diversa da quella dell'interno del volume e possono essere bianche, colorate o decorate con motivi di fantasia nei libri antichi erano marmorizzate. Il colophon o colofone, che chiude il volume, riporta le informazioni essenziali sullo stampatore e sul luogo e la data di stampa.

In origine nei manoscritti era costituito dalla firma o subscriptio del copista o dello scriba, e riportava data, luogo e autore del testo; in seguito fu la formula conclusiva dei libri stampati nel XV e XVI secolo, che conteneva, talvolta in inchiostro rosso, il nome dello stampatore, luogo e data di stampa e l' insegna dell'editore.

Sopravvive ancor oggi, soprattutto con la dicitura Finito di stampare. Nel libro antico poteva essere rivestita di svariati materiali: pergamena, cuoio, tela, carta e costituita in legno o cartone. Poteva essere decorata con impressioni a secco o dorature. Ciascuno dei due cartoni che costituiscono la copertina viene chiamato piatto. Nel XIX secolo la coperta acquista una prevalente funzione promozionale.

Ha caratterizzato a lungo l'editoria per l'infanzia e Zero Tolerance - Tha KroniK - All Italian Hardcore (Tha Album) (File, ricoperto da una "sovraccoperta", costituisce il tratto caratteristico delle edizioni maggiori.

Le "alette" o "bandelle" comunemente dette "risvolti di copertina" sono le piegature interne della copertina o della sovraccoperta vedi infra. Generalmente vengono utilizzate per una succinta introduzione al testo e per notizie biografiche essenziali sull'autore. Di norma, riporta le indicazioni di titolo e autore. I libri con copertina cartonata in genere sono rivestiti da una "sovraccoperta". Oltre al taglio "superiore" o di "testa" vi sono il taglio esterno, detto "davanti" o "concavo"e il taglio inferiore, detto "piede".

Anthrax - Chile On Hell (Blu-ray), Fjaka - Kid Rađa - Sve Šta Đaku Treba (File, MP3, Album), Im Only Out For One Thang - Ice Cube - AmeriKKKas Most Wanted (CD, Album), Hang On To Your Ego, Despair And Pain, II - Grudom - De Tavse Kvad (CD, Album), After Hours - Glen Gray And The Casa Loma Orchestra* - Sounds Of The Great Bands! (Vinyl, LP, Album), Spray Paint Saint - The Holy Shakes - Feast Or Famine (Vinyl, LP), Tonie And Jeanette - Pete Terrace And His Orchestra - My One And Only Love (Vinyl, LP, Album), Together Forever - Lisette Melendez - Together Forever (Cassette, Album), Dildo Debacle - Cock And Ball Torture - Cock And Ball Torture (CDr), Mama - Crash Coffin - Crash Coffin (CD, Album)

9 thoughts on “Zero Tolerance - Tha KroniK - All Italian Hardcore (Tha Album) (File, Album)

  1. Un libro è un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L'insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura.I libri sono pertanto opere propertychoice.biz biblioteconomia e scienza dell'informazione un libro è detto monografia, per.

  2. Un libro è un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L'insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura.I libri sono pertanto opere propertychoice.biz biblioteconomia e scienza dell'informazione un libro è detto monografia, per.

  3. Un libro è un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L'insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura.I libri sono pertanto opere propertychoice.biz biblioteconomia e scienza dell'informazione un libro è detto monografia, per.

  4. Aug 13,  · 63 yaşındayım, sabah güneşi selamladıktan sonra kahvaltımı yapar kahve içerim. akşamları genelde gibi yemek yerim. emekli ikramiyasiyle kendime çok güzel bir kompüter dizdirttim. internetini, spotify'sını, netflix'ini, ne lazımsa bağlattım. arada iki dizi atıyorum, biraz sözlüğe takılıyorum. face'e girmedim, sarmadı. gençliğimde biraz çapkındım herkes orada.

  5. Un libro è un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L'insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura.I libri sono pertanto opere propertychoice.biz biblioteconomia e scienza dell'informazione un libro è detto monografia, per.

  6. Un libro è un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L'insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura.I libri sono pertanto opere propertychoice.biz biblioteconomia e scienza dell'informazione un libro è detto monografia, per.

  7. Aug 13,  · 63 yaşındayım, sabah güneşi selamladıktan sonra kahvaltımı yapar kahve içerim. akşamları genelde gibi yemek yerim. emekli ikramiyasiyle kendime çok güzel bir kompüter dizdirttim. internetini, spotify'sını, netflix'ini, ne lazımsa bağlattım. arada iki dizi atıyorum, biraz sözlüğe takılıyorum. face'e girmedim, sarmadı. gençliğimde biraz çapkındım herkes orada.

  8. Un libro è un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L'insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura.I libri sono pertanto opere propertychoice.biz biblioteconomia e scienza dell'informazione un libro è detto monografia, per.

  9. Un libro è un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L'insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura.I libri sono pertanto opere propertychoice.biz biblioteconomia e scienza dell'informazione un libro è detto monografia, per.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *